Sorpasso capitale

LA ROMA VINCE IL DERBY E SCAVALCA I BIANCOCELESTI IN CLASSIFICA, GRAZIE AI GOL ED ALLE OTTIME LE PRESTAZIONI DI NAINGGOLAN E PEROTTI

La Roma batte la Lazio nella stracittadina e si porta momentaneamente al terzo posto, agganciando l’Inter: una vittoria meritata, contro una Lazio che comunque non si è data per vinta fino alla fine e che ha comunque meritato l’onore delle armi.

La partita la decidono Perotti e Nainggolan ad inizio ripresa, suggellando un dominio territoriale che si è andato via via consolidando, dopo un inizio di marca totalmente biancoceleste, con anche un gol, giustamente, annullato ad Immobile per offside: Di Francesco si gode la sua prima vittoria da allenatore nel derby e la sesta vittoria consecutiva in campionato, mentre per la compagine di Inzaghi, si ferma a nove la striscia di risultati utili consecutivi.

 

LA CRONACA DELLA GARA

Appena il tempo di entrare in clima partita e la Lazio trova il vantaggio con Ciro Immobile, che servito in profondità batte Alisson di destro, ma tutto viene vanificato dal “silent check” del VAR, che segnala il fuorigioco dell’attaccante di Torre Annunziata ed annulla tutto.

Passato lo spavento, la Roma inizia a macinare gioco ed inizia a dimostrare la maggiore qualità delle giocate e della manovra: al 10’ Nainggolan supera Leiva con un sombrero e calcia alto di sinistro, al 17’ Dzeko va in cielo sul cross deviato di Florenzi, ma colpisce debolmente e agevola la parata di Strakosha ed al 20’ è ancora Dzeko a rendersi pericoloso, stavolta su cross partito dai piedi di Perotti, sul quale il Bosniaco gira di nuca e mette a lato davvero di pochissimo, nonostante Strakosha sembrasse sulla traiettoria.

Al 25’ la Lazio prova a mettere fuori il naso con un contropiede manovrato da Luis Alberto che trova libero a sinistra Marusic, il quale non rischia il tiro di prima e serve Parolo, che a sua volta calcia debolmente.

Al 27’ è ancora la Lazio a rendersi pericolosa: cross di Marusic per Immobile, che sul secondo palo colpisce alto di testa anticipando Lulic che era meglio piazzato.

La Roma si risveglia ed al 36’ confeziona l’occasione più ghiotta della prima frazione, che esalta l’estremo difensore biancoceleste: su corner battuto da Perotti, Dzeko gira di destro, Manolas forse sfiora, e Strakosha toglie la palla dall’angolino, strozzando l’urlo di gioia dei giocatori e dei tifosi giallorossi.

Inizia la ripresa e la Roma trova il vantaggio: al 49’, Kolarov viene steso in area da un ingenuo Bastos e Rocchi, coadiuvato dal giudice di VAR, concede il penalty che Perotti calcia perfettamente, regalando così il vantaggio ai giallorossi.

Passano pochissimi minuti e Nainggolan trova il raddoppio: il disastroso Bastos perde palla e apre la ripartenza della Roma, Nainggolan riceve al limite e scarica un destro fortissimo sul secondo palo, battendo Strakosha per la seconda volta.

La Lazio è scossa ed Inzaghi, nel tentativo di non farsi sfuggire di mano l’incontro, opera un doppio cambio, inserendo Lukaku e Nani per Lulic e Leiva, passando al 3-4-1-2: i biancocelesti cambiano ritmo, trovano coraggio ed anche un rigore determinato da un goffo intervento col braccio di Manolas che colpisce ingenuamente col braccio, costringendo Rocchi, dopo aver consultato il VAR, ad indicare il dischetto, sul quale va Immobile che realizza di potenza ed accorcia le distanze.

Nel finale è un vero e proprio assedio della Lazio, compresi i sei lunghissimi minuti di recupero concessi da Rocchi, ma il fortino della Roma regge, fino al fischio finale di Rocchi.

 

IL TABELLINO

Roma: Alisson, Florenzi (80’ Bruno Peres), Manolas, Fazio, Kolarov, Nainggolan (85’ Juan Jesus), De Rossi, Strootman, El Shaarawy (72’ Gerson), Dzeko, Perotti.

Lazio: Strakosha, Bastos, de Vrij, Radu (77’ Patric), Marusic, Parolo, Leiva (58’ Nani), Milinkovic, Lulic (58’ Lukaku), Luis Alberto, Immobile.

Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze.

Reti: 49’ Perotti, 53’ Nainggolan, 72’ Immobile.

Ammoniti: Lulic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Nani, Nainggolan.