Sim SALAH Bim!

La Roma travolge 3-0 il Bologna nel posticipo della dodicesima giornata di serie A e lascia inalterato il gap dalla capolista Juventus, uscita vittoriosa dalla difficile trasferta di Verona contro il Chievo.

Gli uomini di Spalletti soffrono un po’ in difesa, dove si sente fortemente l’assenza di Manolas, ma dal centrocampo in su si dimostrano un vero e proprio rullo compressore, con Salah vero mattatore della serata con la sua tripletta e forse con il miglior De Rossi della stagione.

Dzeko non ha segnato, ma si è rivelato comunque una costante spina nel fianco della difesa felsinea e Strootman, incisivo come non mai in mezzo al campo, ha dimostrato che la via imboccata per il completo recupero è quella giusta: non è dunque un caso che i giallorossi, ad oggi, sono la squadra con il miglior attacco della serie A con 29 reti.

Tuttavia la gara dell’Olimpico inizia sotto il segno del Bologna, che nel giro di pochi minuti spaventano Szczesny per due volte, prima al 2′ minuto con Sadiq che manda di un soffio sul fondo il più facile dei tap-in e poi al 4′, sempre con l’attaccante nigeriano, che va in rete con un bello stacco di testa, ma Giacomelli annulla, perché sul cross la sfera supera la linea di fondo.

La Roma si scuote ed inizia a prendere in mano le redini del gioco e dopo aver sfiorato il vantaggio con Dzeko, trova l’1-0 con Salah, sul quale, però, è decisiva la deviazione di Masina che in scivolata toglie il pallone dalle braccia di Da Costa, mandando la palla nella propria rete.

L’1-0 giallorosso, tuttavia, non scompone gli uomini di Donadoni, che dopo qualche minuto di assestamento tornano a spingere lì davanti e per poco non trovano il pareggio quando un passaggio sciagurato di Strootman per Szczesny diventa un assist per Sadiq che non ne approfitta: il nigeriano e il portiere polacco si scontrano al limite dell’area, ma l’intervento in scivolata del portiere giallorosso è sul pallone.

Poco prima della fine del primo tempo, Dzemaili e l’indiavolato Sadiq ci provano dai 16 metri, ma entrambe le conclusioni sono centrali e di facile gestione per il numero uno della squadra di casa.

Sul fronte opposto, Dzeko apre al limite di destra per Salah che appoggia al limite per Perotti, il cui destro di prima intenzione sul primo palo esce di un nulla.

Nella ripresa, il Bologna entra troppo sbilanciato in avanti nel tentativo di trovare subito il pareggio e di fatto perde le misure del match che molto velocemente diventa a senso unico, grazie soprattutto alla serata magica di un supersonico Salah, che ogni volta che prende palla, crea uno scompenso al pacchetto arretrato della squadra di Donadoni, che non sa davvero come fermarlo.

Da Costa si supera due volte su Dzeko e riesce a mettere una pezza sulla conclusione ravvicinata di Salah, ma al 17′ deve capitolare, quando Strootman trova lo spazio per servire Salah in area e l’ex viola, a tu per tu col brasiliano, non sbaglia.

Il 2-0 taglia le gambe al Bologna, che non trova la forza necessaria per reagire, concedendo alla Roma la chance di sferrare il colpo di grazia ancora una volta Salah, abile a raccogliere una bella respinta di Da Costa su Dzeko e ad appoggiare il pallone in rete a porta vuota, siglando così la sua personale tripletta, che di fatto chiude la partita.

Malgrado il terzo gol, la partita virtualmente chiusa ed il Bologna già con la testa negli spogliatoi, i padroni di casa, memori delle amnesie nelle ultime gare disputate, insistono prepotentemente ancora con l’inarrestabile Salah, che al 37′ potrebbe calare il poker, ma preferisce passarla in mezzo a Perotti che non ne approfitta.

Un solo minuto più tardi, è sempre l’attaccante Egiziano che con il piattone sinistro dal limite dell’area piccola manda la palla alta sopra la traversa.

A 5′ dalla fine, Spalletti decide che può bastare così e chiama in panchina Salah in mopdo da concedergli la meritatissima standing ovation e da quel momento in poi, la Roma controlla il risultato, fino al triplice fischio di Giacomelli.

IL TABELLINO

Roma: Szczesny, Bruno Peres (76’ Gerson), Fazio, Rudiger (57’ Paredes), Juan Jesus, De Rossi, Strootman, Salah (85′ El Shaarawy), Nainggolan, Perotti, Dzeko.

Bologna: Da Costa, Krafth, Ferrari, Helander, Masina (85′ Torosidis), Taider (65’ Pulgar), Viviani, Nagy, Dzemaili, Sadiq (50′ Destro), Krejci.

Arbitro: Giacomelli.

Reti: 13’, 62’. 71’ Salah.

Ammoniti: Paredes.