Roma, Perotti non basta: a Plzen è solo 1-1

Nella gara d’esordio in Europa League, la Roma deve accontentarsi dell’1-1 contro il Viktoria Plzen, costretto a ripartire dall’Europa League dopo l’eliminazione patita ai preliminari di Champions col Ludogorets.

Non basta il rigore fulmineo di Diego Perotti: i giallorossi vanno a corrente alternata, concedendo troppo agli avversari nel primo tempo e subendo quasi subito il pareggio.

Male la difesa, dove si salva (e solo in parte) soltanto Manolas: Juan Jesus, in particolare, vive un’altra serata estremamente complicata.

L’esordio europeo del giovane Gerson non è da disprezzare, ma come ha dichiarato anche Spalletti nel post-partita, è da rivedere: meno positiva la prestazione di Iturbe, pure lui titolare.

Il prossimo incontro di Europa League è in programma all’Olimpico giovedì 29 settembre contro i romeni dell’Astra Giurgiu, che all’esordio hanno perso in casa 2-3 contro l’Austria Vienna.

La cronaca della partita in breve: 4 minuti e la Roma è già avanti, grazie ad El Shaarawy che supera la difesa dell’incerto Mateju che lo stende in area, conquistando un calcio di rigore che l’arbitro francese Buquet non ha dubbi nell’assegnare ai giallorossi e che Perotti realizza con grande freddezza.

Roma in vantaggio e gara in discesa almeno in apparenza, perché la reazione del Viktoria Plzen è immediata e veemente e porta al pari immediato: Zeman ha tutto il tempo di mettere un cross cross da sinistra, Juan Jesus fa la bella statuina, Bakos lo anticipa indirizzando un colpo di testa verso la porta, beffando un Alisson poco reattivo.

Il gol anima i Cechi, che vanno vicinissimi al vantaggio al 23′: piazzato mancino del solito Zeman, Duris spizza e Alisson stavolta compie un intervento provvidenziale.

L’occasione del tempo capita però sul destro di Nainggolan: El Shaarawy per il belga, destro dal limite e palo pieno.

Inizia la ripresa e Spalletti butta nella mischia Dzeko al posto di Gerson ed è proprio l’attaccante bosniaco ad avere un paio di opportunità per riportare avanti i suoi, ma prima non ha il riflesso giusto con la porta vuota e poi viene stoppato da Bolek, con El Shaarawy che a porta vuota trova un paio di difensori sulla sua traiettoria.

Ci prova anche Paredes: destro alto non di molto.

Spalletti si gioca le ultime cartucce e mette in campo anche Totti e Florenzi, ma è sempre Dzeko a rendersi pericoloso, imbeccato dal Capitano con alcuni magistrali lanci in profondità.

Tuttavia, nonostante un buon finale, il gol non arriva, anzi, nell’ultima azione della partita è Alisson ad alzare sopra la traversa una sberla da fuori area sventola di Kace.

1-1, dunque e Roma “europea” rimandata alla gara contro l’Austria Vienna tra 15 giorni.

IL TABELLINO

Viktoria Plzen: Bolek, Mateju, Hejda, Hubnik, Limbersky, Kopic, Kace, Horava, Zeman (72′ Petrzela), Bakos (84′ Poznar), Duris (78′ Krmencik).

Roma: Alisson, Bruno Peres, Manolas, Fazio, Juan Jesus, Nainggolan, Paredes, Gerson (46′ Dzeko), Iturbe (72′ Florenzi), Perotti, El Shaarawy (72′ Totti).

Arbitro: Ruddy Buquet (Francia).

Gol: 4′ Perotti, 11′ Bakos.

Ammoniti: Mateju, Duris, Limbersky, Bakos, Manolas, Juan Jesus, Paredes.