Roma, così non VAR

PROVA INCOLORE DEI GIALLOROSSI, CHE NON VANNO OLTRE IL PARI CONTRO UN SASSUOLO DETERMINATO E BEN ORGANIZZATO: ULTIMA GARA DA PROFESSIONISTA PER PAOLO CANNAVARO

La Roma chiude il 2017 con una prova deludente di fronte al suo pubblico, al cospetto di un Sassuolo che sotto di un gol non si è scomposto e forte della propria determinazione, ha strappato un meritato ed inaspettato pareggio, utilissimo per la corsa alla salvezza: i giallorossi possono recriminare per due gol giustamente annullati, rispettivamente a Dzeko (fuorigioco) ed a Florenzi (fuorigioco attivo ed ostruzione fallosa di Under sull’azione) ma ciò che maggiormente deve far riflettere mister Di Francesco, è l’evidente calo fisico dei suoi uomini, apparsi macchinosi e poco brillanti.

 

LA CRONACA DELLA GARA

La prima chance è per Dzeko dopo una manciata di secondi dall’inizio del match: Pellegrini pesca il Bosniaco in area, ma l’attaccante spara alto al volo.

Il Sassuolo non sta a guardare e confeziona due limpide occasioni con Politano, che prima calcia tra le braccia di Alisson e poi costruisce la più grande palla gol neroverde del primo tempo, approfittando di uno scivolone in area di Fazio e costringendo l’estremo difensore giallorosso ad un gran riflesso.

La Roma attacca ma non sfonda, merito soprattutto dell’ottima organizzazione tattica impartita da Iachini ai suoi e così, poco dopo la mezz’ora, serve un guizzo dell’ex Pellegrini per sbloccare una gara che andava via via facendosi complicata: giocata di Perotti, sponda di Dzeko per il centrocampista numero 7, che col sinistro trafigge imparabilmente Consigli.

Gli ultimi sussulti li regalano Ragusa che chiama al lavoro Alisson, Missiroli che manca di poco la porta di testa ed allo scadere Kolarov, che si inserisce bene in area, ma spara alle stelle col mancino.

Di Francesco perde Manolas all’intervallo e rimpiazza lo spento Schick con El Shaarawy.

Ad inizio ripresa Nainggolan ha la palla del 2-0, ma Consigli gli devia il sinistro in angolo.

Dalla parte opposta, Politano lancia Ragusa che fa fuori Juan Jesus, ma da ottima posizione non trova la porta.

La Roma inizia a sbandare, ma comunque chiama Consigli ad una gran parata sul Faraone e si vede annullare (giustamente) per offside un bel gol di Dzeko: la doccia fredda arriva a 12 minuti dalla fine, quando Peluso opera un cross perfetto per Missiroli, che si stacca facilmente dalla blanda marcatura di Juan Jesus e deposita di testa in rete il pallone del pari.

I giallorossi si ributtano in avanti ed a 5′ dalla fine troverebbero pure il 2-1 con un tocco morbido di Florenzi, ma è tutto vano, perché Orsato consulta il VAR ed annulla giustamente per un fuorigioco di Under ed un fallo di ostruzione dello stesso giocatore Turco su Missiroli, che stava recuperando su Forenzi.

Finale all’arma bianca con Fazio avanzato in attacco, ma il Sassuolo resiste e non trema: finisce 1-1, la Roma esce dal campo tra i fischi ed a testa bassa.

 

IL TABELLINO

Roma: Alisson, Florenzi, Manolas (46′ Juan Jesus), Fazio, Kolarov, Pellegrini (81′ Under), De Rossi, Nainggolan, Schick (50′ El Shaarawy), Dzeko, Perotti.

Sassuolo: Consigli, Lirola, Cannavaro, Acerbi, Peluso, Missiroli, Magnanelli, Duncan (72′ Mazzitelli), Politano (88′ Cassata), Falcinelli (59′ Matri), Ragusa. All. Iachini

Arbitro: Daniele Orsato di Schio.

Reti: 31′ Pellegrini, 78′ Missiroli.

Ammoniti: Dzeko, Magnanelli, Falcinelli.