La Roma torna in quota

UNA PERLA DI KOLAROV SU PUNIZIONE REGALA TRE PUNTI D’ORO ALLA ROMA, CHE SI RIMETTE IN CORSA DOPO LO STOP COL NAPOLI

La Roma passa a Torino contro i granata di Sinisa Mihajlovic, al termine di una partita difficile, tatticamente bloccata e con poche occasioni, risolta grazie ad un magistrale calcio di punizione di Kolarov, sempre più uomo squadra e decisivo, se si considera che 6 dei 18 punti in classifica li ha portati lui, cui si aggiunge suo determinante apporto di mercoledì scorso in Champions a Stamford Bridge, nella straordinaria gara dei giallorossi contro il Chelsea.

Alla luce del pareggio di ieri maturato nella super sfida del San Paolo tra Napoli ed Inter ed in attesa delle gare di Juve e Lazio, rispettivamente contro Udinese e Cagliari, la Roma torna ad inseguire il vertice della classifica, accantonando la battuta d’arresto ella scorsa settimana patito per mano del Napoli e dando continuità all’ottima prestazione di mercoledì contro i Blues di Antonio Conte, potendo anche contare su un calendario favorevole nelle prossime giornate, che vedranno la Roma affrontare prima il Crotone e poi il Bologna, entrambe uscite sconfitte dalle rispettive gare contro Sampdoria ed Atalanta.

LA CRONACA DELLA GARA

La Roma cerca di imporre il proprio gioco con la sua solita manovra, ma il Torino, attento e ben messo in campo, blocca tutte le fonti di gioco giallorosse, affidandosi a qualche lancio lungo verso Sadiq che però cade spesso nella trappola del fuorigioco, ben applicata dal pacchetto arretrato Romanista: la conseguenza, è che di occasioni non se ne vedono fino al 23′, quando Pellegrini centra per Dzeko, che di testa spizza di poco a lato.

Qualche minuto dopo, è Nainggolan ad avere il pallone buono, ma dal limite spara altissimo.

Nel finale di tempo, la partita si anima grazie anche alla squadra di Mihajlovic che esce dal torpore e prova a rendersi pericolosa prima con Sadiq che imbeccato da Ljajić gira alle stelle e poi con Iago Falque, su cui è decisivo l’anticip di Juan Jesus al momento della conclusione da pochi passi.

L’occasione più clamorosa capita a Strootman a pochi secondi dall’intervallo: sugli sviluppi di un corner al veleno di Kolarov, l’Olandese non ha la prontezza per ribadire in rete da pochi passi, con la porta lasciata sguarnita dall’uscita imperfetta di Sirigu.

Poche opportunità da ambo le parti anche nella ripresa: ci provano Dzeko e Strootman senza successo e poi è d nuovo Nainggolan ad avere l’occasione buona dal limite, ma il suo bolide si perde di nuovo tra le stelle: sul versante granata ci prova Ljajic, che spara dal limite non trovando i pali di Alisson.

Al 69′, ecco l’episodio decisivo: Kolarov calcia una punizione concessa da Damato per un fallo di De Silvestri su El Shaarawy, superando la barriera e battendo un Sirigu forse non irreprensibile.

Il Torino si getta in avanti alla ricerca del pareggio, ma l’entrata di Boyé al posto ddi un fischiatissimo Niang porta più che altro confusione ed Alisson non corre seri rischi ed anzi, nel recupero è l’ex Bruno Peres, subentrato a Florenzi, a chiamare Sirigu all’intervento in corner: finisce 0-1 e la Roma ritrova il sorriso anche in campionato.

IL TABELLINO

Torino: Sirigu, De Silvestri, Nkoulou, Moretti, Molinaro (65′ Barreca), Rincon, Baselli (82′ Valdifiori), Iago Falque, Ljajic, Niang (74′ Boyé), Sadiq.

Roma: Alisson, Florenzi (86′ Bruno Peres), Moreno, Juan Jesus, Kolarov, Strootman, De Rossi, Pellegrini (63′ Ünder), Nainggolan, Dzeko, El Shaarawy (80′ Perotti).

Arbitro: Antonio Damato di Barletta.

Reti: 69′ Kolarov.

Ammoniti: Niang, Allison.