La Roma sbatte sul Bologna

Brusca frenata per la Roma alla rincorsa per il secondo posto. Il Bologna, come accadde anche all’andata, getta il cuore oltre l’ostacolo e gioca un brutto scherzo alla squadra giallorossa, fermandola sul pareggio ed allontanandola di sei lunghezze dal Napoli, che domenica ha strapazzato 3-0 il Verona.

Ai punti, la formazione giallorossa avrebbe comunque meritato di vincere, visto che oltre al gol di Salah, ha anche colpito tre pali con lo stesso attaccante egiziano. Ma il risultato premia anche l’atteggiamento dei felsinei, bravi a giocarsi fino in fondo a viso aperto le proprie chance senza mai mostrarsi rinunciatari.

Alla Roma, per ottenere i tre punti, è mancato un pizzico di brillantezza e lucidità in più, specialmente al momento di concludere le azioni.

Unica nota lieta della serata, è stato il ritorno in campo di Totti, che, con le sue giocate, in particolare l’assist al bacio per l’1-1 di Salah, ha illuminato la serata dell’Olimpico.

Costretto a rinunciare a Nainggolan squalificato, Spalletti rilancia De Rossi al posto di Keita, al rientro dopo due mesi e sorprende tutti piazzando Perotti a fare l’intermedio, con Iago Falque scelto per alternarsi con l’argentino nel ruolo di “falso nueve”.

La Roma parte forte e trova il modo di rendersi pericolosissima per tre volte in 23 minuti, impegnando Mirante in apertura con una pregevole conclusione al volo di esterno destro da fuori di Iago Falque e poi colpendo per due volte il palo con Salah.

Il Bologna, mai passivo, tira un sospiro di sollievo e sfrutta al meglio la prima vera occasione per passare: al 25°, su una punizione dalla trequarti sinistra di Zuniga, Rossettini svetta più in alto di Rudiger e di testa piegato le mani a Szczesny, incerto nella decisione di uscire o meno, facendosi così trovare nella terra di nessuno.

Il gol da fiducia ai rossoblù, che grazie al prezioso apporto sulle corsie di Masina e Zuniga ed ai puntuali raddoppi difensivi di Mbaye, Diawara e Donsah, chiude ogni varco a una Roma stordita, incapace di cambiare marcia e raddrizzare l’incontro prima dell’intervallo.

Spalletti decide così di correre ai ripari e di dare una scossa ai suoi, mettendo in campo Totti ed il risultato sperato non tarda ad arrivare, grazie ad un indiavolato Salah che prima colpisce ancora un palo con un tiro a giro dei suoi e poi finalmente suggella il pareggio con un diagonale imparabile, sfruttando al meglio un assist sul filo del fuorigioco del Capitano.

I giallorossi capiscono che è il momento di insistere per completare il ribaltamento del risultato, ma malgrado anche l’inserimento di Dzeko, faticano a mettere anche un solo uomo in condizione di tirare in mezzo all’area, anche per merito del Bologna che riesce comunque a difendersi con grande ordine ed attenzione, grazie soprattutto a Maietta, Rossettini e Mbaye, autori di una ottima prestazione.

E così alla Roma non è rimasto che rendersi pericolosa con un paio di conclusioni insidiose di Totti e Salah da fuori area: troppo poco per portare a casa la vittoria.

E così da stasera, il Napoli è più lontano e l’Inter minacciosamente più vicina.

IL TABELLINO

Roma: Szczesny, Florenzi, Manolas, Rudiger, Digne, Iago Falque (46° Totti), De Rossi (90° Keita), Pjanic, Salah, Perotti, El Shaarawy (71° Dzeko).

Bologna: Mirante, Mbaye, Rossettini, Maietta (81° Krafth) Masina (59° Oikonomou), Rizzo, Diawara, Donsah (43° Pulgar), Brighi, Zuniga, Floccari.

Arbitro: Massa di Imperia.

Reti: 25° Rossettini, 50° Salah.

Angoli: 15 a 3 per la Roma.

Ammoniti: Mbaye, Oikonomou, Totti.

Spettatori: 25.000 circa.